Divisione Calcio a 5 Official Website Stagione 2016-2017
Staff tecnico

Commissario Tecnico

Clicca sulla foto per ingrandirla

BILANCIO COMPLESSIVO SULLA PANCHINA DELL'ITALIA 

TOTALE

Giocate

Vinte

Nulle

Perse

Gol Fatti

Gol Subiti

115

87

14

14

415

164

IN CASA

Giocate

Vinte

Nulle

Perse

Gol Fatti

Gol Subiti

39

31

3

5

139

53

FUORI CASA

Giocate

Vinte

Nulle

Perse

Gol Fatti

Gol Subiti

20

13

6

1

57

25

CAMPO NEUTRO

Giocate

Vinte

Nulle

Perse

Gol Fatti

Gol Subiti

56

43

5

8

219

86



ROBERTO MENICHELLI

Nato a: Roma

Data di nascita: 14 gennaio 1963
Nazionalità: Italiana

In carica dal: 4 marzo 2009

L’intera carriera da allenatore di Roberto Menichelli, che a marzo 2012 ha celebrato i tre anni alla guida tecnica della Nazionale maggiore di calcio a 5, è legata alla Federazione Italiana Giuoco Calcio (FIGC).

Prima di passare sulla panchina, però, ha avuto un buon passato agonistico, anche a livello calcistico (ha giocato con l’Almas Roma in serie C2, l’attuale Lega Pro).

Da 
giocatore di futsal, il suo periodo d’oro è legato al Torrino, con cui ha vinto due scudetti (1993 e 1994) e cinque edizioni della Coppa Italia; ha vestito inoltre la maglia di Roma Barilla, Helios e Villa Aurelia. In maglia azzurra ha collezionato 28 presenze e realizzato due reti, prendendo tra l’altro parte ai Mondiali di Hong Kong nel 1992.

Laureato in scienze motorie presso l’università “Gabriele D’Annunzio” di Chieti, è allenatore di calcio a cinque di primo livello nonchè allenatore professionista di calcio di prima categoria e preparatore atletico professionista. E' stato inoltre istruttore di calcio presso il Centro federale di Roma ed è, attualmente, 
docente alla scuola allenatori di Coverciano e all’Università degli studi “Foro italico” di Roma (corso di laurea specialistica in scienza e tecnica dello sport – giochi sportivi di squadra – calcio e calcio a 5). E' entrato in federazione nel 1996 e ha svolto diversi incarichi. E’ stato vice allenatore e preparatore atletico della Nazionale di calcio a cinque guidata da Alessandro Nuccorini, collaboratore tecnico della Nazionale Under 17 di calcio (durante il campionato d’Europa che si è svolto in Italia nel 2005) e allenatore della squadra Nazionale sperimentale e under 21 di calcio a cinque. Chiamato a sostituire Nuccorini nelle tre partite di qualificazione al Campionato Europeo di Futsal UEFA 2010 a Kaunas, ha guidato gli Azzurri a tre successi contro Georgia, Bielorussia e Lituania (19 gol realizzati e appena uno subito) guadagnandosi la conferma.

Eliminato agli Europei senza mai perdere sul campo
 (i quarti contro la Repubblica Ceca si erano conclusi sul 3-3 prima del ko ai rigori), è rimasto imbattuto da Ct azzurro per oltre un anno: la prima sconfitta l’ha conosciuta proprio contro la Spagna, il 3 aprile 2010, in occasione del Torneo Quattro Nazioni giocato ad Arnedo. Nella scorsa stagione, ha condotto brillantemente l’Italia alla conquista di un posto nelle fasi finali dell’Europeo di Croazia 2012, grazie ai tre successi nelle tre gare del girone eliminatorio giocate a Lasko (Slovenia):

Nei primi mesi della stagione 2011-2012, la Nazionale azzurra di Menichelli ha disputato quattro amichevoli: ad Asti, contro il
Giappone sono arrivate due convincenti vittorie, a Porto contro il Portogallo vice campione d’Europa due importanti pareggi per 1-1. Ma la stagione 2011-2012 è anche quella delle qualificazioni al Mondiale di Thailandia 2012 (in programma a novembre) e dei campionati Europei: l'Italia, dopo aver brillantemente superato il Main Round di qualificazione alla rassegna iridata (contro Polonia, Bulgaria e Romania), ha battuto 5-0 la Norvegia nella gara di andata dei playoff e si appresta a staccare il biglietto per il Mondiale. Esaltante, invece, è stata l'avventura in Croazia, dove l'Italia è salita sul podio nella fase finale dei campionati Europei: una vittoria (con la Turchia) e un pareggio (con la Russia) nella prima fase, lo splendido 3-1 al Portogallo nei quarti, prima del ko di misura (1-0) con i campioni d'Europa della Spagna in semifinale, che ha interrotto un'imbattibilità che per l' Italia e per Menichelli durava da oltre un anno. Nella finale per il terzo posto, altro 3-1, stavolta ai danni dei padroni di casa della Croazia, a coronamento di un grande Europeo.

Non è l’unico grande risultato raggiunto da Menichelli e dall’Italia del futsal: ad aprile, gli azzurri battono la 
Norvegia nello spareggio per l’accesso al Mondiale (5-0 a Stjordal, 2-0 a Conversano) e staccano il biglietto per la rassegna iridata in programma a novembre in Thailandia.

Da incorniciare anche il Mondiale degli azzurri. In Thailandia, dopo tre vittorie su tre nel girone (contro l’Australia, la temibile Argentina e il Messico), la Nazionale ha superato negli ottavi l’Egitto, prima della vittoria thrilling contro il Portogallo nei quarti: sotto di tre gol all’intervallo, la squadra di Menichelli ha compiuto un’eccezionale rimonta pareggiando a meno di un minuto dalla fine e trovando nei supplementari il gol del definitivo 4-3. In semifinale, però, l’Italia ha dovuto cedere il passo alla Spagna, prima di riscattarsi nella finale per il bronzo contro la Colombia, superata con un perentorio 3-0.

Il 2013 è iniziato con quattro amichevoli, con un bilancio di tre vittorie (due contro la Repubblica Ceca e una contro il Portogallo) e una sconfitta (contro il Portogallo). A Pasqua, a Bari e Andria, l’Italia ha inoltre timbrato il passaporto per il prossimo Europeo, che si giocherà ad Anversa in Belgio tra la fine di gennaio e l’inizio di febbraio. Tre vittorie limpide contro Finlandia, Montenegro e Ungheria, venti reti realizzate e appena due subite, diverse emozionanti iniziative collaterali, tanta gente a gremire i palazzetti: in Puglia gli azzurri hanno vinto ancora una volta dentro e fuori dal campo. Come piace al loro Ct.

Il 
2014 sarà ricordato come l’anno del secondo trionfo Europeo, quello della fantastica notte di Anversa. Prima della partenza per l’entusiasmante avventura in Belgio, l’Italia gioca otto amichevoli: gli Azzurri collezionano un doppio successo contro la Grecia (in trasferta), la Romania e la Slovacchia (in casa), mentre i due test contro l’Ucraina – qualificata come la Nazionale all’Europeo – fanno suonare un piccolissimo campanello d’allarme, visto che ad Asti, a ottobre, arrivano una sconfitta e un pareggio. Dopo il raduno a Genzano, a fine gennaio si parte per Anversa, sede del Campionato Europeo. L’esordio alla Lotto Arena è da incubo, perché contro la Slovenia – comunque temutissima dal Ct – arriva un’inattesa sconfitta, un 2-3 che complica il prosieguo del torneo. L’Italia è spalle al muro, deve vincere a tutti i costi contro l’Azerbaigian la cui vittoria contro la Slovenia (7-6) offre però agli Azzurri la possibilità di conquistare ancora il primo posto nel girone. Alla Lotto Arena la prestazione della Nazionale di Menichelli è sontuosa, il 7-0 finale (vanno a segno anche i due portieri) è una straordinaria iniezione di fiducia. Da qui in poi, il torneo è un “crescendo rossiniano”. Nei quarti la Nazionale supera 2-1 la Croazia, mentre il 4-3 in rimonta all’ “eterna rivale” Portogallo riporta gli Azzurri in finale, dove ad attenderli non c’è la pluridecorata Spagna ma la fortissima Russia di Skorovich. Allo Sportpaleis, la sera dell’8 febbraio, l’Italia sfodera la classica partita perfetta e piega 3-1 gli avversari, con i gol di capitan Lima, Murilo e Honorio: siamo campioni d’Europa per la seconda volta, undici anni dopo il trionfo casalingo di Anversa.

Figc - Lnd - Divisione Calcio a 5

Piazzale Flaminio, 9 - 00196 Roma - Tel. 06.32822601

Mail: calcio5@figc.it - Mail Attività Gare: calcio5.gare@figc.it

All Rights are Reserved ® 2010